Difference between revisions of "Punta Cabana"

From Minecraft Wiki - ForgottenWorld
Jump to: navigation, search
Line 1: Line 1:
'''Punta Cabana''' nasce nel ''2998 d.F''. come avamposto modernista commerciale, per volontà degli esponenti della famiglia [[Fioz|Fios]], in particolare di Gonzalo il quale, avendo abbracciato la poligamia, aveva ormai 5 mogli, 9 figli e molteplici nipoti; necessitando quindi di ampi terreni coltivabili per sfamare la numerosa famiglia e di una casa più grande in grado di ospitarne tutti i suoi membri.
+
'''Punta Cabana''' nasce nel ''2998 d.F''. come avamposto modernista commerciale, per volontà degli esponenti della famiglia [[Fioz|Fios]], in particolare di Gonzalo il quale, avendo abbracciato la poligamia, aveva ormai 5 mogli, 9 figli e molteplici nipoti; necessitando quindi di ampi terreni coltivabili per sfamare la numerosa famiglia e di una casa più grande in grado di ospitarne tutti i suoi membri.[[File:Punta Cabana.png|miniatura|Forte dell'avamposto di Punta Cabana]]Dopo l'invio di alcune spedizioni esplorative venne prescelta una delle maggiori Isole Marosul a sud ovest di [[Thortuga]] per la creazione di questo avamposto. Ottenuti i permessi di fondazione dal [[Partito Modernista|Partito]], nel 2998 d.F. i Fios approdarono finalmente sull'isola e vi eressero il primo insediamento fatto di tende e piccoli bunker sotterranei, per poi iniziare un lungo lavoro di disboscamento dalla vegetazione tropicale che ricopriva la superficie.   
 
 
Dopo l'invio di alcune spedizioni esplorative venne prescelta una delle maggiori Isole Marosul a sud ovest di [[Thortuga]] per la creazione di questo avamposto. Ottenuti i permessi di fondazione dal [[Partito Modernista|partito]], nel 2998 d.F. i Fios approdarono finalmente sull'isola e vi eressero il primo insediamento fatto di tende e bunker sotterranei, per poi iniziare un lungo lavoro di disboscamento dalla vegetazione tropicale che ricopriva la superficie.   
 
  
 
Finalmente nel 2998 iniziò la costruzione dei primi edifici in muratura, seguendo i disegni dell'eclettico capofamiglia, il quale reduce dalla sua esperienza nell'esercito aveva pensato particolarmente all'aspetto difensivo dell'avamposto, nonostante quest'ultimo si configurasse principalmente come un avamposto commerciale.  
 
Finalmente nel 2998 iniziò la costruzione dei primi edifici in muratura, seguendo i disegni dell'eclettico capofamiglia, il quale reduce dalla sua esperienza nell'esercito aveva pensato particolarmente all'aspetto difensivo dell'avamposto, nonostante quest'ultimo si configurasse principalmente come un avamposto commerciale.  
  
 
Nel frattempo si iniziò anche la bonifica e concimazione dei terreni circostanti, in modo da poter avviare una coltivazione basata su principi biologici e naturali, fu anche necessario richiedere alla Sottosegretaria per l'Edilizia e l'Architettura Selin Marok Biranmun un incremento dello spazio edificabile e coltivabile, allo scopo di soddisfare le necessità alimentare della numerosa famiglia Fios.
 
Nel frattempo si iniziò anche la bonifica e concimazione dei terreni circostanti, in modo da poter avviare una coltivazione basata su principi biologici e naturali, fu anche necessario richiedere alla Sottosegretaria per l'Edilizia e l'Architettura Selin Marok Biranmun un incremento dello spazio edificabile e coltivabile, allo scopo di soddisfare le necessità alimentare della numerosa famiglia Fios.
[[File:Punta Cabana.png|sinistra|miniatura|Forte dell'avamposto di Punta Cabana]]
+
[[File:Punta Cabana sott.2.png|sinistra|miniatura|Scorcio delle serre sotterranee]]
 
nel 3005 d.F. vennero ultimati i lavori di costruzioni sugli edifici principali dell'avamposto e si iniziarono gli scavi per lo svuotamento del sottosuolo al fine di ricavare un bunker tecnologicamente avanzato che potesse ospitare serre per coltivare tutte le colture del piano nonostante le loro differenti necessità di temperatura, terreno e nutrienti. Infine venne creato un sistema di comunicazione e spostamento merci sotterraneo che collegasse Punta Cabana e Thortuga al fine di avviare un commercio di prodotti agricoli e di materie prime ricavate dai terreni vergini dell'isola.  
 
nel 3005 d.F. vennero ultimati i lavori di costruzioni sugli edifici principali dell'avamposto e si iniziarono gli scavi per lo svuotamento del sottosuolo al fine di ricavare un bunker tecnologicamente avanzato che potesse ospitare serre per coltivare tutte le colture del piano nonostante le loro differenti necessità di temperatura, terreno e nutrienti. Infine venne creato un sistema di comunicazione e spostamento merci sotterraneo che collegasse Punta Cabana e Thortuga al fine di avviare un commercio di prodotti agricoli e di materie prime ricavate dai terreni vergini dell'isola.  
  
 
In pochi decenni la famiglia [[Fioz|Fios]] ammassò immense ricchezze e rese gli abitanti di Punta Cabana fra i più ricchi e benestanti della regione. Gonzalo ormai anziano ritornò a concentrare la sua attenzione sugli aspetti militare e difensivi dell'avamposto, richiedendo la creazione a sue spese di un  battaglione dell'esercito modernista che rimanesse sedentariamente a Punta Cabana. Equipaggiati con i migliori armamenti e guidati prima dal vecchio ma esperto Gonzalo poi dal figlio Carmelo, il reggimento di Punta Cabana diventò una delle punte di diamante dell'esercito modernista partecipando anche alla Battaglia dell'Adegun Orientale e alla difesa di Spes.
 
In pochi decenni la famiglia [[Fioz|Fios]] ammassò immense ricchezze e rese gli abitanti di Punta Cabana fra i più ricchi e benestanti della regione. Gonzalo ormai anziano ritornò a concentrare la sua attenzione sugli aspetti militare e difensivi dell'avamposto, richiedendo la creazione a sue spese di un  battaglione dell'esercito modernista che rimanesse sedentariamente a Punta Cabana. Equipaggiati con i migliori armamenti e guidati prima dal vecchio ma esperto Gonzalo poi dal figlio Carmelo, il reggimento di Punta Cabana diventò una delle punte di diamante dell'esercito modernista partecipando anche alla Battaglia dell'Adegun Orientale e alla difesa di Spes.

Revision as of 22:43, 13 November 2019

Punta Cabana nasce nel 2998 d.F. come avamposto modernista commerciale, per volontà degli esponenti della famiglia Fios, in particolare di Gonzalo il quale, avendo abbracciato la poligamia, aveva ormai 5 mogli, 9 figli e molteplici nipoti; necessitando quindi di ampi terreni coltivabili per sfamare la numerosa famiglia e di una casa più grande in grado di ospitarne tutti i suoi membri.
Forte dell'avamposto di Punta Cabana
Dopo l'invio di alcune spedizioni esplorative venne prescelta una delle maggiori Isole Marosul a sud ovest di Thortuga per la creazione di questo avamposto. Ottenuti i permessi di fondazione dal Partito, nel 2998 d.F. i Fios approdarono finalmente sull'isola e vi eressero il primo insediamento fatto di tende e piccoli bunker sotterranei, per poi iniziare un lungo lavoro di disboscamento dalla vegetazione tropicale che ricopriva la superficie.

Finalmente nel 2998 iniziò la costruzione dei primi edifici in muratura, seguendo i disegni dell'eclettico capofamiglia, il quale reduce dalla sua esperienza nell'esercito aveva pensato particolarmente all'aspetto difensivo dell'avamposto, nonostante quest'ultimo si configurasse principalmente come un avamposto commerciale.

Nel frattempo si iniziò anche la bonifica e concimazione dei terreni circostanti, in modo da poter avviare una coltivazione basata su principi biologici e naturali, fu anche necessario richiedere alla Sottosegretaria per l'Edilizia e l'Architettura Selin Marok Biranmun un incremento dello spazio edificabile e coltivabile, allo scopo di soddisfare le necessità alimentare della numerosa famiglia Fios.

Scorcio delle serre sotterranee

nel 3005 d.F. vennero ultimati i lavori di costruzioni sugli edifici principali dell'avamposto e si iniziarono gli scavi per lo svuotamento del sottosuolo al fine di ricavare un bunker tecnologicamente avanzato che potesse ospitare serre per coltivare tutte le colture del piano nonostante le loro differenti necessità di temperatura, terreno e nutrienti. Infine venne creato un sistema di comunicazione e spostamento merci sotterraneo che collegasse Punta Cabana e Thortuga al fine di avviare un commercio di prodotti agricoli e di materie prime ricavate dai terreni vergini dell'isola.

In pochi decenni la famiglia Fios ammassò immense ricchezze e rese gli abitanti di Punta Cabana fra i più ricchi e benestanti della regione. Gonzalo ormai anziano ritornò a concentrare la sua attenzione sugli aspetti militare e difensivi dell'avamposto, richiedendo la creazione a sue spese di un battaglione dell'esercito modernista che rimanesse sedentariamente a Punta Cabana. Equipaggiati con i migliori armamenti e guidati prima dal vecchio ma esperto Gonzalo poi dal figlio Carmelo, il reggimento di Punta Cabana diventò una delle punte di diamante dell'esercito modernista partecipando anche alla Battaglia dell'Adegun Orientale e alla difesa di Spes.