Golud

From Minecraft Wiki - ForgottenWorld
Jump to: navigation, search
Golud
StemmaGolud.png
Stendardo famiglia gola
Descrizione
Motto Il diritto è la base dell'essere e dell'avere della persona.
Tipologia Stirpe
Nome Denai Golud
Capostipite Gilious Golud
Era fondazione Seconda era
Era estinzione In vita

Culto Culto di Gola
Storia
Casata di derivazione Nessuna
Rami cadetti: Nessuno
Origine BoPville
Luoghi BoPville, Nyan, Alyon, Alpha, Dalmasca, Taris, Navarone, Eduial, Thorvil
Gesta

Eventi Rinascita di Nyan
Creazione Alleanza
Fondazione Navarone
Fondazione Thorvil
Opere Moderatismo
Codice Civile dell'Impero di Silvendar
Codice Civile della Repubblica Modernista di Thorvil
Incarichi Presidente di Nyan
inviato del Re di Mirrodin ad Alpha
Portatore di Nyan nell'Alleanza
Assistente di Navarone
Presidente di Navarone
Consigliere di Eduial
Creazione del codice civile dell'Impero di Silvendar
Tesserato di Thorvil
Sottosegretario al SAI


La famiglia Golud, comparsa alla fine della seconda Era, è una delle famiglie più antiche dei diversi piani, seppur, attorno ad essa, aleggiano numerose voci e dicerie contrastanti, che la dipingono, a seconda del testimone, o come ottimi politici, che resero numerosi contributi a diverse nazioni, o come portatori di male e di macchinazioni tese solo all'annientamento dei diversi piani.


Storia

Origini

Le prime testimonianze, seppur frammentarie, sulla famiglia Golud, sono ritrovabili nelle cronache della tarda BoPville della seconda era, dove, affascinati dal sistema repubblicano della nazione, ne entrarono a far parte. Nonostante la presenza del loro nome negli anagrafe nella capitale della nazione, dove possiamo ritrovare il presunto capostipite, Gilious Golud, poco altro si conosce, a causa della distruzione di moltissimi documenti da parte di Buhhu e dell'attraversamento nell'Antico Portale, che costrinse i pochi sopravvissuti a portar solo i documenti più importanti.

Terza Era

Il periodo a Nyan

Nell'attraversamento dell'Antico Portale, la famiglia Golud decise, per inspiegabili ragioni, di non unirsi alla Repubblica Oligarchica dell'Unione e, fino alla loro presa di potere a Nyan, poco sappiamo e conosciamo, a parte fugaci apparizioni in diverse cittadine, seppur più come nomadi e viandanti che altro. Con Frankie Golud, però, la famiglia tornò in auge, ora a Nyan, dove, in seguito a numerosi scandali e alla fuga del precedente sindaco, la città stava vivendo una fase discendente, pronta a portare la cittadina nel fallimento. Frankie Golud, sostenendo che sarebbe riuscito a ridestare la città dal suo torpore e a riportare l'ordine e ad assicurare la democrazia, divenne temporaneamente capo dei cittadini rimasti e, con pazienza e molto tempo, Nyan ritornò in auge, dando inizio, almeno secondo alcuni studiosi, alla fase del Rinascimento di Nyan, un'epoca contrasegnata dalla pace e dalla crescita costante della popolazione. Dopo vent'anni, Frankie, ritenendo che i lavori più urgenti fossero ormai completati, diede vita alla prima Costituzione, che fu accettata dai cittadini in maniera naturale e, giunto in quel momento, decise di dar vita alle prime elezioni di Nyan, senza, tra l'altro, candidarsi. Il mandato fu consegnato a un gruppo di 4 persone che, almeno in teoria, avrebbero dovuto amministrare la città in pace e in concordia, ma che rivelarono, ben presto, di non essere adatti per il ruolo. Frankie, quindi, con abile mossa, riuscì a far cadere il governo, con un appoggio popolare praticamente popolare e, con le nuove elezioni, divenne sindaco della città, riuscendo, attraverso opere e una grande libertà, a far vincere prima a sé, poi ai suoi discendenti, continuamente le elezioni. In questa maniera, fino al 1610 d.F., la famiglia Golud riuscì a detenere il potere a Nyan, lasciando il sospetto che, in realtà, a Nyan non vi fosse una vera e propria democrazia, ma una vera Signoria, dove, una sola famiglia, per molto tempo, riuscì a detenere il potere, seppur queste accuse furono sempre negate dai Golud di allora, che portarono, come prova, le varie elezioni vinte a grandissima maggioranza.

Nel 1610 d.F. il giovane Mirkoff, stanco di essere controllato dal padre nelle sue azioni, decide di non candidarsi alle elezioni e permettere, quindi, a Nyan, di avere un sindaco diverso dalla famiglia a cui apparteneva e, nonostante lo scandalo legato alla candidatura di Agfdetre, il nuovo presidente diventa Emulo. Purtroppo, però, nel 1620 d.F. un grave scandalo diplomatico, almeno ai tempi, colpisce le relazioni tra la nazione di Mirrodin e quella di Nyan e, il presidente Emulo, decide di rompere le relazioni centenarie con la prima. A tutto ciò, Mirkoff, si oppone con veemenza, ricordando l'alleanza storia e importante che la nazione ebbe con Mirrodin, ma, purtroppo, a nulla vale e, perciò, decide di emigrare, lasciando per sempre Nyan e dirigendosi ad Alyon.

Il periodo a Mirrodin

Mirkoff Golud, grazie all'amicizia dimostrata all'Imperatore e la fedeltà a Mirrodin anche in quelle ore buie, ottenne un incarico di rilievo ad Alpha, che, purtroppo, nel 1650 d.F., verrà saccheggiata, in quello che venne chiamato il Sacco di alpha. nelle cronache di Mirrodin si riporta che, in seguito a questi fatti, Mirkoff decise di togliersi la vita, probabilmente per il disonore subito.

Un testamento compilato prima della morte permise sua figlia, Isabella Golud, di ereditare i beni ancora in possesso alla famiglia, la quale, però, decise di dedicarsi a una vita tranquilla ad Alyon e, quindi, facendo perdere le tracce della famiglia di Golud.

Isabella ebbe diversi figli, tra cui Ethan Golud che deciderà di emigrare a Dalmasca, a causa del suo odio verso l'Unione, ritenuta la vera colpevole, da questi, della morte del nonno.

Il periodo a Dalmasca

Le cronache della Terza Era descrivono la presenza di un membro Golud a Dalmasca, intorno al 1659 d.F., nell'attacco condotto a Sendai.

A quanto pare il Re Torrazzo utilizzò le informazioni da una spia e vennero elaborate da Ethan Golud, il quale individuò con precisione la posizione della città di Sendai e accompagnando i guerrieri all'attacco e al saccheggio.

Non si hanno notizie di un suo ritorno e, i più, affermano che sia morto in azione, anche se circolano storie che, in realtà, venne salvato dal Superno Gola e portato via per sempre, per evitargli una sorte ben peggiore.


Quinta Era

Dana Ivanov Golud

Dana è l'ultima discendente della famiglia Golud, nata da Fabio Ivanov e Anna Golud nel 2784 a Thorvil, città fondante, a Jedùr, della Repubblica Modernista di Thorvil. Cresce in una famiglia borghese, con il padre che lavora come impiegato pubblico allo SPAM e la madre addetta al reparto sartoria dello stato, appassionandosi ben presto all'ideologia Modernista e leggendo numerosi scritti sul tema. Verrà ricordata per aver fatto, da piccola, la mascotte delle varie manifestazioni patriottiche, vestendosi sempre di rossa, quasi come se fosse un pomodoro e, crescendo, entrò nelle sezioni giovanili del partito, dimostrandosi fin troppo fanatica, certe volte, ma, per questo, ben vista dai leader dei responsabili. Morta in seguito alla pandemia provocata dalla Tosse di Migia nel 2822. Ebbe un figlio da una relazione clandestina con un mercante, che non disse mai a nessuno.

Scrisse il codice civile di Thorvil., adottato ufficialmente dalla città.

Miloslav Kuznetsov Golud

Miloslav, nipote di Dana Ivanov, conosciuto anche come Matteo Scalov, nasce nel 2866 ha passato la sua infanzia e adolescenza in campagna, dove i suoi genitori si erano stabiliti per timore del cognome che portavano e anche per gli ultimi residui di Tosse di Migia. Il Giovane, affascinato dal modernismo, mentre non lavorava nei campi, studiava i testi di Dana e, nel corso del tempo, si decise a leggere altri scritti, con il quale la sua conoscenza si espanse. In seguito a una grave carestia, decise di trasferirsi a Thorvil, per trovare lavoro e sostenere la sua famiglia. Aveva una moglie di nome Agata e due figli, maschi, Gleb a Antip. In seguito si iscrisse al partito Modernista e, da qui, fece richiesta per entrare nell'assemblea, dove sostenne, fin da subito, la sua personale di organizzazione dell'URMM, facendolo catalogare come StatalTotalitaristi dai più.

I suoi discorsi in assemblea furono sempre mal visti dai presenti, seppur da parte di alcune categorie sociali della città di Thorvil trovava, invece, un ampio consenso, a causa dei suoi attacchi a Bopville e all'uso di toni populisti, che fecero gran presa specie tra i non tesserati.

Fondò, in maniera clandestina, un movimento dal nome "Lega Thorvil" che chiedeva maggiore autonomia della città rispetto a Bopville, chiedendo, come scopo finale, l'espulsione di tutti gli abitanti di Bopville dalla città di Thorvil.

Venne arrestato e condannato alla detenzione per 30 anni, da scontare presso il campo di lavoro Arstotzka per:

  • Esecuzione di atti di discriminazione verso i cittadini della Repubblica Modernista di Bopville;
  • Propaganda illecita dei suddetti atti
  • L'aver perpetrato comportamenti antimodernisti e antiunitari nei confronti della nazione e dell'ideologia intera.
  • Incendio doloso dell'Armeria provinciale di Thorvil, impedendone l'utilizzo;
  • Furto di armi e armature;
  • Sfruttamento minorile;
  • Incitamento alla violenza. Inoltre lega Thorvil venne sciolta e considerata Organizzazione Operante Contro il Modernismo (OOCM).

Muore nel 2901 suicida in carcere, per la vergogna provocata a lui e sopratutto alla sua famiglia, avendo, di nuovo, disonorato la stirpe Golud.

Gleb Golud

Figlio di Miloslav Kutznetsov, non condivise mai le idee del padre, nonostante umanamente gli volesse bene e si dispiacque molto alla morte di questi.

A 18 anni si iscrisse al Partito Modernista e, con la tessera, partecipò alla sua prima e ultima assemblea sul Piano di Eseldur: infatti, nel 2902, terremoti, maremoti e tsunami avevano inflitto numerosi danni alla città di Thorvil, costringendo, tra i rimasti, ad avviarsi verso Spes.

Perse, nel corso di un anno, sia sua madre per infarto, in seguito alla morte del padre, sia la sua fidanzata, inghiottita durante uno dei frequenti maremoti e il fratello, durante l'esodo, a causa di una scossa di terremoto.

A Spes, per evitare di pensare a quanto gli fosse accaduto, si avvicinò agli ideali del Paramodernismo, traendo ispirazione dagli scritti e dai discorsi del Segretario Albert Stardoff e cominciò a redarre numerose bozze di testi di diritto, nonostante la situazione disastrata e sempre più pericolosa di Spes.

Voci correlate