Colonialismo solariano

From Minecraft Wiki - ForgottenWorld
Jump to: navigation, search

Quoterosso1.png Abbiamo poche notizie, brandelli d'informazione. Ma quello che sappiamo per certo è che un bel giorno, all'inizio del Sedicesimo secolo, l'umanità intera si ritrovò unita all'insegna dei festeggiamenti. Grande fu la meraviglia per la nostra magnificenza mentre davamo alla luce Terranova. Quoterosso2.png

~ (estratto del racconto degli inviati imperiali di ritorno dall'esplorazione del nuovo continente, titolo di testa del 25° numero de "La Voce di Parvi")

Il Nuovo Mondo

A partire dagli inizi del 1664 il governo imperiale diede il via ufficialmente alla sua politica di espansione coloniale spinto dal desiderio di accrescere velocemente la sua economia e al contempo di aumentare il suo peso politico-militare sullo scacchiere internazionale. L'Imperatore/Tata Suprema Fraws vedeva inoltre questa come un'opportunità perfetta per aumentare il suo prestigio personale e il consenso dei cittadini che in questo modo avrebbero avuto un'obbiettivo comune, accantonando così i dissapori e le questioni interne al regno.

Il suo discorso al popolo solariano quel giorno fu abbastanza esaustivo:

Quoterosso1.png Cittadini di Parvi, amici, fratelli... Vi parlo in questo momento con estrema gioia. Abbiamo appena ricevuto una lettera aperta del Sindaco Jay Kenton della città di Thoringrad, questi annuncia che le Terre Perdute, che tutti noi stiamo imparando a conoscere, non sono le uniche terre esplorabili. Vi annuncio Terranova, fratelli miei, un mondo completamente nuovo ricco di nuove terre da esplorare, ricchezze sotterranee e civiltà perdute. E vi sto parlando ora, amici miei tutti, perchè annuncio con grande gioia la creazione della Flotta del Sole che partirà alla volta delle Nuove Terre con ogni colono Solariano desideroso d'avventura! So quanto la costruzione della Cattedrale del Sole e della Fortezza di Parvi siano impellenti. MA NOI, PARVIANI, NON DAREMO POSSIBILITA' ALLA STANCHEZZA DI FIACCARCI! Fratelli miei, tutti assieme, verso il futuro... PARVI DOMINA! Quoterosso2.png

~ (testimonianza dell'allora cittadino Fel Nobele, riportata nel best seller autobiografico "La grande Era delle Opportunità")

Opportunità, la nascita delle grandi Corporazioni

La nuova politica non fu però avviata solo per questioni di prestigio, essa era vista anche come enorme opportunità per accrescere l'economia imperiale; a questo scopo ben presto sarebbero sorte le cosiddette "Grandi Corporazioni" (che ben presto avrebbero acquisito un potere enorme, un potere inferiore solamente a quello del sovrano..."

Le più note erano:

  • la Banca Gaiasrhsensis - il ramo economico dell'Ordine di Gaia che fu uno dei principali promotori e finanziatori della spedizione
  • la Wilson Foundation - compagnia con sbocchi in vari settori (proprietaria de "La Voce di Parvi"...)e faceva capo alla famiglia Wilson

Le suddette che facevano comunque tutte capo al sovrano stesso si offrirono di finanziare la spedizione e fu grazie a questo che nell'arco di breve tempo la città riusci a colmare il gap tecnologico fra il regno e le altre più potenti nazioni delle terre emerse.

Il punto di svolta, Windmill

Mentre i più famosi carpentieri del regno si radunavano nel quartiere portuale trasformandolo in un vero e proprio cantiere a cielo aperto, giungeva in città un misterioso individuo. Egli disse di chiamarsi Windwill e chiedeva immediatamente udienza al sovrano per offrigli a detta sua "la conoscenza in grado di cambiare per sempre il trasporto per come lo intendiamo".

Fraws riporto in seguito il dialogo fra i due nelle sue memorie che testualmente dicevano:

Quoterosso1.png Insistette affinche al colloquio fossimo, almeno per il momento, i soli presenti e sulle prime acconsentii, era disarmato quindi non avrebbe potuto costituire una minaccia. Uscì dalla cassa uno strano macchinario che apparentemente sembrava un semplice motore a cilindri, niente di strano rispetto al solito... Poco dopo però mi fece accenno al "paradosso di Nyan", facendomi tornare in mente i ricordi del periodo in cui risiedevo in essa. Io gli dissi che era un principio effettivamente fattibile ma come sapevamo entrambi era stato all'epoca doppiamente bocciato, sia dagli accademici, che non ci vedevano utilità pratiche, che dal governo cittadino che lo considerava un enorme peccato nei confronti del loro dio protettore. Mi diede ragione ma poi mi disse di osservare e aprii il congegno. Al suo interno vi era una struttura che ricordava le ruote dei criceti, il tutto collegata ad un trasformatore e a un accumulatore. Rimasi perplesso e nel mentre collegò un cucciolo di Ocelot ad una fetta di pane imburrato, sistemandolo poi nella ruota. Di lì poi il mio indescrivibile stupore nel vedere che il micio effettivamente non toccava terra e continuava a ruotare in maniera perpetua e regolare su se stesso senza mai cadere. Non ci credetti... Ma il luminare mi disse che non era finita qui e accendendo un altro pulsante del congegno azzerò il mio precedente stupore. NON ERA POSSIBILE. Il congegno inizio a libbrarsi in aria e a galleggiare a mezz'aria lasciandomi letteralmente senza nessuna parola, ad eccezione di quelle che gli avrei detto poco dopo "Amico mio, sei maledettamente assunto!" Quoterosso2.png

~ (L'origine di Parvi)

Questa scoperta avrebbe cambiato letteralmente la storia futura di tutte le Terre Perdute...

Tempo dopo, nel giubilo più totale dei cittadini, Windmill veniva ufficialmente nominato "Primo Accademico & Gran Luminare della Scienza" dal Sovrano che lo incarico subito dopo di mettersi all'opera nello sviluppo di quella tecnologia e di un progetto definito in codice "Aurum".

Cuore D'oro, la nascita della Grande Flotta Solariana

Alcuni dei progetti originali della Cuore D'Oro, in dettaglio l'applicazione del Motore Windmill

La stretta collaborazione fra Windmill e le più grandi menti solariane fra le quali il "Portatore del Libro" Animalesco, che si era occupato della progettazione e Voky, "L'Ingeniere", che aveva messo a punto grazie alle sue grandi conoscenze tecniche, i meccanismi di collegamento fra il Motore e la sua fonte di energia, venne alla fine alla luce in un giorno grandioso la "Cuore D'oro", la prima nave antigravità al mondo e "Superna Ammiraglia" della neonata Flotta Solariana.

Quoterosso1.png Lo stupore anche degli osservatori stranieri che assistettero all'evento fu totale, come una nave di quella stazza potesse libbrarsi in aria come fosse fatta di piume fu un mistero pari solo all'incredulità della sua visione. Quoterosso2.png

~ (anonimo)

Le cronache ci riferiscono il giubilo infinito dei cittadini della Capitale che assistettero al varo, tanto che L'Imperatore indisse tre giorni di festa per tutti i cittadini del regno congratulandosi colarmente per il lavoro svolto.

Nel arco di poche settimane, mentre nel quartiere portuale vi erano i cantieri di altre decine di future navi l'equipaggio radunato sali a bordo della nave per quella che i posteri avrebbero ricordato come La Titanica Impresa. Si imbarcarono non solo soldati, studiosi e missionari Gaiasiriani ma anche molti avventurieri che spinti dal mito volevano tentare fortuna nel Nuovo Mondo e avere così la loro opportunità.

Voci correlate